Montagna e denti

Aggiornamento: 25 ott 2021

Frescura, passeggiate, paesaggi pittoreschi e relax: sono questi gli obiettivi di chi in estate sale in montagna e lascia il mare ad altri. Una vacanza o una gita da sogno, ma... attenzione ai denti!

Non sono solo le orecchie infatti a risentire del cambio di quota, perché la diversa pressione atmosferica presente in montagna, soprattutto ad altezze elevate, può avere diversi effetti collaterali nella bocca.


Cosa può causare i cambiamenti di pressione?

I rapidi cambiamenti di pressione infatti causano l'accumulo di gas nel sangue, e queste sacche di gas possono accumularsi anche nei denti, provocando dolore e di tanto in tanto danneggiare anche lavori protesici già presenti in bocca.


I problemi

Questo fenomeno è noto come barodontalgia, mal di denti indotto dalla quota.

Di solito si manifesta come una sensazione di disagio acuto o dolore lancinante. Si può notare i denti improvvisamente diventano sensibili o dolente durante il volo, le immersioni o escursioni ad alta quota, in particolare intorno alle zone della bocca con otturazioni, tappi, corone, canali radicolari o faccette. Le persone che soffrono di sintomi di sinusite possono essere più probabilità di soffrire di mal di denti pressione indotta. Essendo un fenomeno legato a fattori esterni non esiste una vera e propria cura, le persone che stanno per recarsi in zona montuose possono ridurre il loro rischio della barodontalgia prendendosi eccezionalmente buona cura dei loro denti.


Il lato positivo

Questo fenomeno ha però anche dei lati positivi, perché la sua presenza può aiutare i dentisti a identificare i primi segni di carie o anomalie in un paziente, molto in anticipo rispetto alle condizioni normali.