top of page

Odontoiatria del sonno nell’adulto: il corso

Aggiornamento: 19 lug 2022

Cos’è la sindrome delle apnee ostruttive nel sonno?

L'apnea ostruttiva del sonno (OSA) è il disturbo più comune respiratorio correlato al sonno ed è caratterizzato da episodi ricorrenti di ostruzione completa o parziale delle vie aeree superiori che portano a respirazione ridotta o assente durante il sonno. Questi episodi sono definiti "apnee" con cessazione completa o quasi completa della respirazione, o "ipopnea" quando la riduzione della respirazione è parziale. In entrambi i casi, possono verificarsi una diminuzione della saturazione di ossigeno nel sangue, un'interruzione del sonno o entrambi. Un'elevata frequenza di apnee o ipopnee durante il sonno può interferire con il sonno ristoratore, che, in combinazione con disturbi dell'ossigenazione del sangue, si ritiene contribuisca a conseguenze negative per la salute e la qualità della vita. I termini sindrome da apnea ostruttiva del sonno (OSAS) o sindrome da apnea-ipopnea ostruttiva del sonno (OSAHS) possono essere usati per riferirsi all'OSA quando è associata a sintomi durante il giorno (ad es. eccessiva sonnolenza diurna, diminuzione della funzione cognitiva).


La sindrome delle apnee ostruttive nel sonno ( O.S.A.S. – Obstructive Sleep Apnea Syndrome) è un problema, spesso sottovalutato, che si stima coinvolga milioni di persone in età lavorativa e non, in gran parte uomini. L’impatto sociale di questa patologia è ancora poco percepito, malgrado le sue implicazioni vadano dalla sonnolenza diurna fino a gravi comorbilità che coinvolgono pesantemente l’apparato cardiovascolare e quello metabolico. La scarsa produttività sul lavoro e l’alto numero di incidenti stradali completano il quadro drammatico degli effetti collaterali della patologia.


Il ruolo dell'odontoiatria nella cura dell’OSAS

L’odontoiatra riveste un ruolo determinante nella cura dell’OSAS in quanto è la figura di riferimento per la diagnosi e la terapia: è il professionista che può intercettare la patologia grazie a dei semplici questionari, suggerire la necessità di diagnosticarla con appositi strumenti ed infine proporre la terapia.

Il russamento è la punta dell’iceberg : scoprire il russatore è spesso il primo passo per avvicinarsi all’altro ben più grave problema, quello dell’apnea ostruttiva: sospensioni del respiro che durano più di 10 secondi, che riducono temporaneamente l’ossigeno al cervello e che hanno luogo più volte per notte. Questi disturbi respiratori causano svariati risvegli notturni che, interrompendo il ciclo naturale del sonno causano un senso di stanchezza e di mancato ristoro per tutto il giorno.


Il corso del Dental Sleep Team

Il centro Andriolo è ben consapevole del problema del russamento e delle apnee ostruttive e della responsabilità sociale dell’odontoiatra di ridurre il numero di apnoici in circolazione. Per questo lo scorso 18 giugno ha ospitato il corso di formazione del Dental Sleep Team, tenuto dai relatori prof. Levrini ed il dr. Cozzolino dal titolo: ”Odontoiatria del Sonno nell’Adulto”.

I relatori hanno offerto un approccio molto pratico alla materia senza tralasciare il razionale scientifico della patologia: un invito all'approfondimento della materia , ma soprattutto ad iniziare da subito a svolgere l'attività di sentinella diagnostica dell'OSAS.

Il corso è stato seguito con grande interesse da più di 20 professionisti che hanno partecipato attivamente con domande utili per tutti e contribuito con esperienze personali.


Gli sponsor

Sponsor della giornata sono state 2 aziende: RIDENT Innovation di Verona e VEDISE Hospital di Roma: entrambe si sono mostrate sensibili all’argomento e consapevoli dell’impatto che questa nuova branca, la medicina del Sonno, ha sull’odontoiatria prima e sulla patologia poi.


Se vuoi saperne di più, chiedi un appuntamento in segreteria.
Vai al link per prenotare una visita

Comments


bottom of page